L’interior design

L’interior design

L’interior design è uno specchio che riflette i cambiamenti nel mondo e il modo di vivere umano. Misure pandemiche, restrizioni alla libertà di movimento e un massiccio passaggio al lavoro a distanza hanno dato vita a una delle principali tendenze degli interni di oggi: il desiderio di ottenere più emozioni dallo spazio abitativo. L’arredamento stagionale è un modo per massimizzare la tua esperienza interna con pochi soldi. Ti diremo come “vestire” l’interno ogni stagione e perché ti piacerà. Avviso spoiler: nessuna ristrutturazione.

Può sembrare divertente a prima vista, ma il dei mobili porta TV design gioca un ruolo importante nell’intero design degli interni. Di tendenza i Porta TV di design con moduli bassi, contenitori con ante battenti e libreria in finiture a contrasto. Un modo per arredare un soggiorno è combinare una TV e oggetti decorativi.

Il cambio di stagione nelle nostre condizioni climatiche non passa inosservato: il tempo, il paesaggio, la durata delle ore diurne, e con loro cambiano le nostre esigenze. Siamo abituati ad aggiornare stagionalmente il nostro guardaroba e spesso non è solo la necessità di vestirci per il tempo, ma anche la necessità di ottenere nuove impressioni dal nostro riflesso nello specchio.

Puoi adottare lo stesso approccio all’interior design come faresti per un guardaroba, adattandolo alle stagioni che cambiano.

Con ogni stagione abbiamo un numero di associazioni e tradizioni consolidate e quasi ogni stagione incontriamo un tipo di vacanza che richiede attributi esterni. In inverno, quando non c’è abbastanza sole e colori vivaci, decoriamo gli spazi abitativi con giocattoli, ghirlande e fuochi di candele viventi. Le vacanze primaverili sono associate all’arredamento floreale. In autunno, alle nostre latitudini, la tradizione di celebrare Halloween sta diventando sempre più popolare – un altro motivo per le trasformazioni interiori.

Ma non è necessario essere legati alle date delle vacanze per godersi i cambiamenti stagionali all’interno. Puoi ripensare emotivamente allo spazio abitativo con l’aiuto di semplici tecniche decorative.

Ogni stagione è associata a uno schema di colori specifico. La tavolozza stagionale all’interno può trasmettere le vere sfumature del paesaggio fuori dalle finestre o adattarsi alle nostre esigenze emotive. Nella stagione fredda siamo attratti dai colori caldi, in primavera vogliamo una delicata tavolozza pastello e colpi di colore solari, in estate i colori possono diventare più saturi.

Un altro potente veicolo per le associazioni stagionali sono le immagini tradizionali che possono apparire all’interno come motivi. In primavera possono essere acquerelli pastello – un delicato periodo di fioritura, che in estate sarà sostituito da più intensi motivi tropicali o di frutta e giardino, in autunno inizierà la stagione delle gabbie scozzese e in inverno fiocchi di neve, alberi di Natale e cervi apparirà sul palco.

Se desideri cambiamenti di colore su larga scala, “vesti” le finestre con nuove tende, cambia il tappeto o il rivestimento del divano. Una delle soluzioni più interessanti e non ovvie: cambiare i paralumi sulle lampade, grazie alle quali cambierà la tonalità della luce e l’atmosfera di tutta la stanza. Sorgenti luminose mobili: anche ghirlande, lampade da comodino, insegne al neon e lampade da tavolo possono essere cambiate ogni stagione.

Per evitare che l’arredamento stagionale sembri goffo, attieniti al colore e alla narrazione: motivi e sfumature ripetuti. Puoi scegliere il colore dominante della stagione e rafforzare la sua presenza nello spazio con relativi toni e ritornelli di colore: ad esempio, il colore delle tende può essere ripetuto nelle linee di un motivo su un tappeto, una tovaglia o un cuscino.

Ci sono molte persone interessate al design e all’architettura. Soprattutto le giovani generazioni che sono interessate a questi campi mentre cercano cosa studiare.

Qui il Milano Design Film Festival può aiutare. Questo festival riguarda i migliori film che sono stati girati con lo scopo di far conoscere l’architettura e il design.

Milano Design Film Festival

C’è molto sugli argomenti di discussione sull’architettura:

1. Micro-vivere. L’interesse per le piccole case sta crescendo drammaticamente. In risposta alla mutata situazione politica e finanziaria, gli architetti sono diventati più attivi nello sviluppo di soluzioni innovative per piccoli spazi. Il concetto di minuscole case, l’interesse per l’ottimizzazione degli spazi modesti, porta alla necessità di sviluppare programmi abitativi di base per spazi fino a 40 metri quadrati.

2. Architettura inclusiva. Artisti, moda, design – tutto diventa inclusivo – cioè, i gruppi più diversi della popolazione diventano, se non coautori, quindi partecipanti diretti al design. Negli anni precedenti, il focus principale era sull’architettura per bambini e persone con disabilità, nel 2019 c’è una crescente domanda di progetti per anziani legati alla salute mentale e architettura per non vedenti.

3. Architettura sostenibile, vegana, verde, ecc. Nel settembre 2019, l’American Institute of Architects, AIA, ha pubblicato un piano d’azione sul cambiamento climatico globale e lo ha dichiarato una “questione critica” per la professione di architetto. Gli architetti sono coinvolti nella costruzione di un’economia pulita al 100% e si impegnano ad adottare misure ovunque per ottenere un ambiente pulito, sostenibile e sano. L’Effetto Bilbao non convince più: la fiducia che un costoso progetto architettonico stia rivitalizzando l’economia è notevolmente diminuita. Emergono concetti edilizi che generano più energia durante la fase operativa di quanta ne sia stata utilizzata nella loro costruzione; o case a energia zero che producono più energia di quanta ne consumano.

4. Parità di genere. L’architettura è indissolubilmente legata al contesto sociale e politico in cui si trova. La discussione sul genere, il concetto di identità sessuale, ha avuto un impatto anche nel campo dell’architettura. L’architettura delle donne sembra essere diventata un “hashtag” tanto quanto l'”arte delle donne”.

5. Architettura per i trasporti. Aumentare la velocità e il comfort delle traiettorie urbane sta generando interesse per le questioni relative al trasporto pubblico e alla mobilità. La guida autonoma, i nuovi taxi volanti o le linee ferroviarie ad alta velocità creano un nuovo tipo di “porto”. Le vecchie stazioni ferroviarie richiedono la sostituzione e la ricostruzione nei prossimi anni.

6. L’America Latina e il Medio Oriente sono le due regioni la cui architettura interessa di più. Hashim Sarkis, architetto libanese nominato curatore della Biennale di Architettura di Venezia 2020, è già diventato uno dei professionisti più apprezzati.

7. Gestione delle risorse urbane: eco-città collettive Le risorse naturali come l’acqua e il suolo sono state al centro delle discussioni architettoniche. La permacultura – permacultura – si posiziona come un nuovo sistema di principi di progettazione. Gli architetti sono fiduciosi che l’agricoltura si sposterà nelle città, il che darà impulso a un nuovo concetto di urbanistica.

8. Technocraft: cura dei dettagli e dei materiali locali. Argilla, legno e cemento, le tecniche dell’artigianato locale costringono i professionisti a concentrarsi sui dettagli per la migliore soluzione a tutte le parti del progetto. L’ascesa dell’artigianato si combina con l’ascesa della robotica, della stampa 3D e dell’automazione nell’edilizia per creare un formato sempre più accessibile. L’interesse per le smart city esiste da un po’ di tempo, ma quest’anno si è concentrato sul privato

casa intelligente.

9. Ricostruzione, ristrutturazione, cambio di funzione degli edifici: questo esercizio di progettazione sostenibile è ora svolto dalla maggior parte degli studi di architettura. Ovviamente, la risposta dei progettisti alla tendenza di adeguare gli edifici esistenti ai compiti di oggi è diventata potente. Aumentare l’area a causa di sovrastrutture, creare ulteriori volumi architettonici lungo le facciate, organizzare locali non residenziali per interni residenziali alla moda è una tendenza in crescita esponenziale. Si applica sia agli edifici storici di un secolo fa, sia a quelli costruiti relativamente di recente.

10. Nuovo minimalismo Gli interni di Danimarca, Messico, Ucraina, Bielorussia, Russia mostrano una tendenza al nuovo minimalismo. Applicato in un diverso contesto semantico, il minimalismo (e con esso l’eredità del modernismo e della scuola Bauhaus) mostra una grande mobilità stilistica: è ricoperto di dettagli luminosi, trame ricche e pieno di forme morbide. La nuova generazione vuole vivere nel comfort digitale ma rimanere emotivamente sana.

Ulteriori informazioni su questo testo di origineTesto di origine richiesto per ulteriori informazioni sulla traduzione

Leave a Reply

Your email address will not be published.